Blitz quotidiano
powered by aruba

Modena, medici sotto processo, colpo di scena: la vittima in realtà è viva

MODENA – Secondo l’accusa era morta, vittima di una sperimentazione illecita da parte dei medici del policlinico di Modena. Ma il colpo di scena è arrivato in aula, quando l’avvocato della difesa ha presentato documenti che testimoniano che la donna sia ancora viva e vegeta. E’ successo a Modena, come racconta Repubblica:

La paziente data per morta “resuscita” in tribunale. E’ il colpo di scena emerso ieri a Modena durante il processo sul “caso-Cardiologia” del policlinico, uno dei più grossi scandali della sanità emiliana: l’accusa è di sperimentazioni illegali eseguite su ignari pazienti malati di cuore, che nel 2012 ha portato all’arresto di nove medici e alle accuse di associazione per delinquere, peculato, corruzione, falso in atto pubblico, truffa i danni del sistema sanitario, sperimentazioni cliniche senza autorizzazione.

E tra le sperimentazioni contestate dall’accusa anche il caso di una paziente che sarebbe morta in seguito ai test. Ma l’avvocato Marco Ferraresi, che difende una delle case farmaceutiche sotto accusa, in aula ha portato la cartella clinica della donna insieme al suo certificato di residenza: prove del fatto che la signora non è affatto morta, anzi, è viva e vegeta.

 


TAG: