Blitz quotidiano
powered by aruba

Moglie lo tradisce con amico: lui gli distrugge auto

TREVISO – Scopre che la moglie lo ha tradito con uno dei suoi più cari amici: va sotto casa di lei e distrugge l’auto di lui con delle mazze da golf. Adesso l’uomo, un imprenditore di 43 anni di Pieve di Soligo (Treviso) è agli arresti domiciliari in attesa del processo per danneggiamento aggravato.

L’uomo si era separato dalla moglie solo pochi mesi fa. A causare la fine del rapporto, secondo quanto scrive Diego Berti sul Gazzettino, sarebbero state proprio le avances che l’amico faceva alla donna.

Quando ha scoperto che i suoi sospetti corrispondevano alla realtà l’uomo non c’ha visto più. Ha preso alcune mazze da golf ed è andato sotto casa dell’ex moglie, dove ha puntualmente trovato l’auto dell’ex amico. Così ha iniziato a colpire l’auto dell’uomo, una Mercedes 220 station wagon, distruggendola.

E’ stato un vicino di casa a chiamare i carabinieri, che sono subito intervenuti e hanno arrestato l’uomo. Racconta Berti sul Gazzettino:

È accaduto la scorsa notte a Sernaglia della Battaglia. Era appena passata la mezzanotte, quando un inquilino, P.C., del condominio sente strani rumori provenire dal parcheggio adiacente al fabbricato. Si alza, solleva la tapparella, e dalla finestra della camera vede un uomo di mezza età, con una mazza da golf mentre sfascia una Mercedes 220 station wagon. «Col primo colpo frantuma tre vetri dell’auto. Poi riapre il cofano della sua vettura e prende una seconda mazza da golf. La devastazione del veicolo continua – racconta il testimone -. Anche la seconda mazza dopo le potenti legnate che mandano in frantumi gli specchietti retrovisori e deformano la carrozzeria si spacca. Con l’intenzione di finire per bene il suo lavoro, l’uomo – continua – si dirige ancora una volta verso la sua vettura per prendere un terzo bastone da golf». E in quel momento sul posto – chiamati da alcuni inquilini del palazzo – arriva una pattuglia dei carabinieri di Col San Martino. I militari dell’Arma fermano quell’uomo e lo portano in caserma.

 


PER SAPERNE DI PIU'