Blitz quotidiano
powered by aruba

Monica Bussetto condannata all’ergastolo: “Uccise la vicina di casa”

VENEZIA – La Corte d’Assise d’appello di Venezia ha condannato all’ergastolo Monica Bussetto, 53 anni, per l’omicidio della sua vicina di casa, Lida Taffi Pamio, di 87 anni, soffocata e accoltellata il 20 dicembre 2012 a Mestre.

La tesi del Procuratore generale Giovanni Francesco Cicero è stata accolta in pieno dalla corte presieduta da Gioacchino Termini tanto che dopo sei ore di camera di consiglio la donna è stata direttamente arrestata e tradotta in carcere per il pericolo di fuga. In primo grado Busetto, che si è sempre professata innocente, era stata condannata a 24 anni e mezzo ma era stata poi scarcerata perché una seconda donna, Susanna Lazzarini detta Milly di 52 anni rea confessa dell’omicidio di un’altra anziana, Francesca Vianello, si era accollata anche il primo delitto.

Durante le udienze in Appello però Lazzarini aveva in parte ritrattato dicendo che l’omicidio di Pamio l’avevano compiuto assieme, lei e la Busetto che era stata incastrata da una collanina che aveva in casa con il Dna della vittima. L’avvocato di Busetto, Alessandro Doglioni, ha detto che presenterà ricorso sull’arresto immediato in attesa che avvenga il deposito della sentenza previsto tra 80 giorni.