Blitz quotidiano
powered by aruba

Montesilvano, vietato mangiare vongole fresche dopo che…

PESCARA – Le vongole fresche di Montesilvano sono inquinate e il sindaco della città, Francesco Maragno, ha firmato un’ordinanza che vieta di mangiarle. L’ordinanza arriva dopo i testo dell’istituto Zooprofilattico che ha riscontrato una presenza di valori fuori norma di Escherichia Coli, un batterio che indica contaminazione fecale, soprattutto nei pressi della discarica di veleni sul fiume Saline.

Antonella Lucitti su Il Centro di Pescara scrive che dopo i divieti di balneazione nei pressi della discarica di Villa Carmine ora è sorto un allarme vongole:

“Il provvedimento del sindaco sul consumo dei molluschi bivalvi è provvisorio, ma per ora vige il divieto di mangiare le vongole appena pescate e il prodotto pescato deve essere sottoposto al trattamento di un centro di depurazione certificato.

Intanto, non è finito l’allarme sul fronte della discarica di Villa Carmine dopo la scoperta di uno sversamento di percolato a pochi metri dal fiume Saline. Ieri, è stato eseguito un sopralluogo da parte di tecnici di Regione, Arta e Comune alla Capitaneria di porto di Pescara per verificare lo stato dei luoghi e attivare le misure necessarie per la messa in sicurezza della bomba ecologica dove dagli anni ’70 in avanti è stato conferito materiale di ogni genere.

«È stata fatta una ricognizione tecnica», dice il sindaco, «concentrata soprattutto sull’ argine e nell’alveo fluviale. Sono state rilevate situazioni che necessitano di ulteriori verifiche». Per la messa in sicurezza della discarica e una risoluzione definitiva della criticità sono necessarie somme rilevanti, ora non disponibili nei bilanci comunali e regionali”.


PER SAPERNE DI PIU'