Cronaca Italia

Morbillo non si ferma: 400 casi, +370% rispetto a un anno fa

Morbillo non si ferma: più 400 casi a giugno rispetto a un anno fa

Morbillo non si ferma: più 400 casi a giugno rispetto a un anno fa

ROMA – Morbillo non si ferma: +370% rispetto a un anno fa. Sono stati 401, a giugno 2017, i casi di morbillo registrati in Italia a fronte degli 85 registrati a giugno 2016 (+370%). Salgono complessivamente a 3.500, da inizio anno i contagi segnalati, nel 35% dei casi è stata registrata almeno una complicanza e 2 sono stati i decessi.

Ad aggiornare i dati è il 16/mo bollettino settimanale (Settimana di riferimento 3-9 luglio 2017) nato per monitorare e descrivere in modo tempestivo l’epidemia di morbillo in corso nel nostro Paese da gennaio 2017, a cura di Ministero della Salute e Istituto superiore della sanità (Iss). L’89% dei contagiati non era vaccinato, il 6% vaccinato con una sola dose.

Il 41% è stato ricoverato, il 22% ha fatto ricorso al pronto soccorso. Il 56% dei casi è stato registrato tra 15 e 39 anni, il 6% invece, ovvero ben 210 casi, ha riguardato bimbi sotto l’anno di vita, i più a rischio e quelli che ancora non possono essere vaccinati. Registrati, infine, 255 casi tra operatori sanitari, più a rischio di trasmettere la malattia a persone immunodepresse.

To Top