Blitz quotidiano
powered by aruba

Multe, i Comuni ne preparano di più: minacciano il 30%

ROMA – Multe, i Comuni ne preparano di più: minacciano il 30%. I Comuni italiani si preparano ad aumentare la quota di gettito proveniente dalle contravvenzioni: dai dati sulle previsioni di bilancio si ricava un 30% medio in più, cioè controlli più capillari, spese di notifica aumentati. Un 30% in più che vale 200 milioni di euro a carico degli automobilisti. Nel 2016 la spesa totale riferibile al pagamento di contravvenzioni stradali è stimata in 1,5 miliardi, contro gli 1,3 del 2015.

Non è difficile riscontrare una specie di automatismo tra l’abolizione dell’Imu sulla prima casa e la minaccia dei Comuni nel dichiarato tentativo di colmare il gap di entrate. Una conferma del fatto che i Comuni ci fanno cassa. Se a Roma sono previsti 75 milioni in più di gettito, a Firenze sono 3,5 milioni. A Milano, in controtendenza, assisteremo a una diminuzione delle multe previste di 50 milioni.

Nei comuni più piccoli scendono i numeri assoluti, ma sale in proporzione l’incidenza delle multe sui bilanci. A Prato si stima un incasso nel 2016 di 14 milioni, di 3 milioni superiore rispetto agli 11 milioni del 2015. In questo caso, l’incremento è pari al 27%. In Piemonte a Bra l’importo previsto per le multe passa dai 1.185.000 euro realizzati nel 2015 ai 1.410.000 euro previsti per il 2016. La notizia di stamattina non piacerà molto agli automobilisti che quest’anno dovranno spendere almeno 1,5 miliardi di euro in multe. L’unica (magra) consolazione è che per adesso fare il pieno di benzina costa 10 euro in meno rispetto a un anno fa. (Luca Fornovo, La Stampa)


TAG: , , ,