Cronaca Italia

Napoli, bomba carta davanti all’ospedale degli “assenteisti”

Napoli, bomba carta davanti all'ospedale degli "assenteisti"

Napoli, bomba carta davanti all’ospedale degli “assenteisti”

ROMA – Napoli, bomba carta davanti all’ospedale degli “assenteisti”. Una bomba carta è stata fatta esplodere intorno alle 11 di mattina dinanzi all’ospedale “Loreto Mare” a Napoli. In zona era in corso un manifestazione da parte di una cinquantina di dipendenti di alcune strutture sanitarie della provincia di Salerno. La deflagrazione è stata avvertita in tutta la zona. Sul posto è giunta la polizia.

Momenti di paura si sono registrati anche all’interno dell’ospedale. All’esterno però il boato è stato davvero impressionante, specie per la presenza dell’assembramento.

A scendere in piazza dipendenti della Silba Spa (società che gestisce i centri medici di riabilitazione Villa Alba in Cava de’ Tirreni, Villa Silvia in Roccapiemonte e Gf Montesano in Roccapiemonte), da questa mattina in liquidazione e che sostengono siano «a rischio 500 degenti affetti da disabilità mentali e 350 posti di lavoro».

La protesta prosegue davanti all’ospedale Loreto Mare, in quanto uno dei proprietari delle strutture sarebbe un primario dell’ospedale. Gli stessi manifestanti segnalano scontri in atto con la polizia. (InterNapoli.it)

Il Loreto Mare è ovviamente anche l’ospedale salito alla ribalta mediatica nazionale per il clamoroso blitz contro furbetti del cartellino e assenteisti cronici. Il blitz dei carabinieri del Nas ha portato all’arresto di 55 dipendenti, tutti finiti ai domiciliari. Un numero cospicuo di assenteisti che ha costretto il giudice a disporre per 50 di loro anche l‘obbligo di andare al lavoro, sotto il controllo dei militari dell’Arma. Complessivamente sono indagate 94 persone, praticamente un terzo dei dipendenti del nosocomio.

 

To Top