Blitz quotidiano
powered by aruba

Napoli, ex carabinieri rapinarono supermercato: ergastolo

NAPOLI – Claudio Vitale e Jacomo Nicchetto, i due ex carabinieri che lo scorso anno fecero una rapina in un supermercato di Ottaviano e che durante la fuga lungo la statale del Vesuvio uccisero uno degli gestori della struttura, un giovane di 28 anni, oltre a ferire altre nove persone, sono stati condannati all’ergastolo dal gup del tribunale di Nola dove si è svolto il processo con il rito abbreviato.

Il giovane gestore del negozio che li aveva inseguiti fu ferito gravemente e morì qualche ora dopo il suo ricovero in ospedale. I due ex militari, che non prestavano servizio in Campania (entrambi erano impegnati in reparti non operativi nel Nord Italia) furono bloccati dai carabinieri che avviarono immediatamente le indagini ricostruendo, nel giro di poche ore, l’esatta dinamica di quanto accaduto.

Claudio Vitale, 42 anni, e Jacomo Nicchetto, di 34 anni, detenuti nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, sono stati condannati anche al risarcimento dei danni all’Arma dei Carabinieri, che nel corso del procedimento si è costituita parte civile.

Il 25 marzo del 2015 i due hanno messo a segno il colpo ma subito dopo è partita la missione punitica da parte dei gestori del supermercato. L’auto dei malviventi è stata raggiunta e poi speronata sulla strada statale 268, all’altezza della zona industriale di Ottaviano. Tutti sono scesi dalle vetture: è scoppiata una violentissima colluttazione culminata con la reazione dei carabinieri che, verosimilmente con le loro armi di ordinanza, hanno sparato contro gli aggressori. Loro stessi sono rimasti feriti.