Blitz quotidiano
powered by aruba

Napoli, nigeriano ruba pistola e spara agli agenti al Centro direzionale

NAPOLI – Un nigeriano ha rubato una pistola agli agenti del Centro direzionale di Napoli e ha seminato il panico aprendo il fuoco. Gory Esefo, 24 anni, ha ammesso di aver sparato contro un uomo in ginocchio, ma ha ribadito di non essere un fondamentalista islamico, anzi ha sottolineato subito dopo l’arresto la mattina del 29 luglio: “Non sono cristiano né musulmano”.

Il Mattino di Napoli scrive che l’uomo dopo l’arresto ha ammesso sia il furto della pistola che l’aver sparato dopo aver picchiato un agente di polizia e averlo disarmato:

“«Sì, ho premuto il grilletto contro i poliziotti. Sì, ho puntato l’arma e ho premuto il grilletto contro un uomo in ginocchio». Difeso dal penalista Luigi Ferrazzano, il nigeriano ieri ha fatto la sua comparsa dinanzi al giudice Pietro Carola. Ha risposto ad alcune domande, fornendo parziali ammissioni per quanto riguarda la dinamica dell’episodio avvenuto venerdì mattina, mentre per quanto riguarda le motivazioni del gesto è logico pensare che saranno le indagini a fare chiarezza. Dalle poche parole messe agli atti, è stata confermata comunque la gravità di una scena che ha colpito non poco i testimoni presenti sul luogo: dopo aver picchiato l’agente di polizia privata e dopo averlo disarmato, il 24enne nigeriano ha provato a sparare, ha premuto il grilletto.

E lo ha fatto quando la vittima dell’aggressione era in ginocchio, ferito dai pugni incassati; ha inoltre provato a sparare anche in un secondo momento, quando sono sopraggiunti i poliziotti del Vasto, che poi lo hanno disarmato. L’arma fortunatamente per tutti non aveva il colpo in canna, ed aveva una sicura che il nigeriano non ha saputo disinnescare. L’ultima battuta ha infine riguardato il suo status di rifugiato: «Non ho chiesto asilo politico, sono qui solo per motivi familiari», ha detto Gory Esefo”.


TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'