Cronaca Italia

Napoli, poliziotti arrestano rapinatore: aggrediti a calci e sputi da 60 persone

Napoli, poliziotti arrestano rapinatore: aggrediti a calci e sputi da 60 persone

Napoli, poliziotti arrestano rapinatore: aggrediti a calci e sputi da 60 persone

NAPOLI – Un rapinatore è stato arrestato e gli agenti di polizia si sono ritrovati aggrediti da una folla inferocita di 60 persone che li prendeva a calci, spintoni e sputi. E’ accaduto nel Rione Speranza a Napoli, dove il pluripregiudicato Mariano Tuppo ha cercato rifugio dopo aver visto i poliziotti e aver cercado di farsi alla fuga. Gli agenti aggrediti sono stati soccorsi dai colleghi e medicati per le contusioni e le escoriazioni riportate.

L’aggressione è avvenuta la sera di domenica 18 giugno dopo che un giovane era stato rapinato del suo iPhone, 600 euro e del motorino, che il rapinatore ha usato per la fuga. La vittima ha denunciato l’accaduto alla polizia e ha organizzato un incontro col rapinatore che si è offerto di restituire lo scooter appena rubato in cambio di 740 euro. All’appuntamento però si sono presentati anche i poliziotti in borghese e quando Tuppo li ha riconosciuti ha cercato di fuggire, scrive Repubblica:

“Inseguito, è stato poco dopo raggiunto e bloccato, nonostante avesse provato a confondersi tra la folla ed a reagire con violenza all’arresto. La sua violenta e chiassosa reazione ha richiamato circa 60 persone,  che hanno letteralmente aggredito i poliziotti con calci, spintoni e sputi inscenando una vera e propria rivolta danneggiando altresi’ l’autovettura di servizio. Il successivo intervento degli agenti del Commissariato Frattamaggiore e dei Carabinieri del posto ha consentito agli agenti del Commissariato Afragola di poter arrestare Mariano Tuppo e di portarlo in ufficio, dove tra l’altro, appena giunto, ha distrutto delle suppellettili. Il motociclo e’ stato recuperato e subito restituito al proprietario. Il 32enne e’ stato condotto alla Casa Circondariale di Napoli – Poggioreale.  I poliziotti sono stati invece accompagnati in Ospedale dove sono stati medicati per le contusioni ed escoriazioni riportate”.

To Top