Blitz quotidiano
powered by aruba

Napoli, sparatorie dagli scooter per le vie della città: 20 ragazzi aprono il fuoco

NAPOLI – Oltre 20 ragazzi a bordo di 10 scooter hanno seminato il panico per le vie di Napoli aprendo il fuoco con mitra e pistole. Le due bande di ragazzi sono entrate in azione per le vie di Miano e Capodimonte nella notte tra 11 e 12 luglio. Gran parte dei colpi sono stati sparati in aria, ma i bersagli erano anche bar e negozi e non è escluso che le sparatorie siano state a scopo intimidatorio.

Il Messaggero scrive che si è trattato di due “stese”, questa la parola con cui sono definite a Napoli le corse sui motorini con spari all’impazzata da parte di bande di ragazzi a scopo intimidatorio. Le stese sono avvenute in due zone non distanti nella città, scrive il quotidiano:

“tanto che la Polizia non esclude un eventuale collegamento. Poco dopo le 2 una volante ha intercettato un gruppo di ben 10 scooter, su ognuno dei quali viaggiavano due persone, in via Comunale Acquarola, nella zona di Miano. Sono stati esplosi complessivamente 18 colpi, da pistole e mitragliette, gran parte dei quali in aria. Alcuni colpi hanno raggiunto due esercizi commerciali: un bar, il cui proprietario ha riferito di non aver mai subito minacce, ed un negozio chiuso da tempo. Poco prima, a Capodimonte, invece, sono stati trovati a terra otto bossoli di pistola calibro 9 x 21. Due colpi si sono conficcati in un portone ma senza provocare eccessivi danni”.


PER SAPERNE DI PIU'