Cronaca Italia

Napoli, tenta di rapire bambino di 6 anni: aggredito dalla folla, lo salva la polizia

Napoli, tenta di rapire bambino di 6 anni: aggredito dalla folla, lo salva la polizia

Napoli, tenta di rapire bambino di 6 anni: aggredito dalla folla, lo salva la polizia

NAPOLI – Un uomo, residente nel parco Verde di Caivano a Napoli, ha tentato di rapire un bimbo di 6 anni: la folla lo ferma e vuole linciarlo, ma viene salvato dalla polizia che lo arresta.

È finito così in manette, con l’accusa di tentato sequestro di persona, Giovanni Barbato. L’uomo è residente nel parco Verde di Caivano di fronte al palazzo dove viveva Fortuna Loffredo, la bambina uccisa dopo aver subito abusi sessuali da parte di un vicino.

Il tentativo di rapimento è avvenuto nella tarda mattinata di sabato 10 giugno in via Cavour a Qualiano, in provincia di Napoli, ma è stato reso noto solo oggi. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, la madre, una 35enne straniera da tempo residente in Italia, aveva appena messo sul seggiolino dell’auto il piccolo di 6 anni e stava aiutando a entrare nell’abitacolo il figlio maggiore. Mentre la donna saliva in macchina, l’uomo avrebbe approfittato di quei secondi per introdursi nell’abitacolo e tentare di portare via il più piccolo dei due fratelli. A salvare il bambino è stata la cintura di sicurezza allacciata: il rapitore è stato rallentato perché non è riuscito a disinserirla con facilità e a prendere il piccolo.

Nel frattempo, la madre, accortasi dell’uomo era all’interno della vettura sul lato passeggeri, ha messo in marcia l’auto per allontanare il bambino dal pericolo. Poi ha iniziato a urlare richiamando l’attenzione di alcune persone che si trovavano nella zona e che sono accorse subito. La folla è riuscita a bloccare il rapitore e ha cercato di linciarlo: solo l’intervento dei carabinieri ha evitato il peggio.

Intanto lo zio dei bambini aveva richiamato l’attenzione di una pattuglia di carabinieri in transito, che ha velocemente raggiunto l’uomo, arrestandolo e sottraendolo alla furia della gente. In sede di convalida il gip ha disposto per lui la custodia in carcere.

To Top