Blitz quotidiano
powered by aruba

Neve in Calabria, A3 bloccata per ore e scuole chiuse

Scuole chiuse, mercoledì 20 gennaio, a Catanzaro, Cosenza, Rende, Rossano, Mongiana, Fabrizia, Brognaturo, Arena, Spadola, Nardodipace, Vallelonga e Simbario

CATANZARO  –  Dopo la Puglia, la neve, come da previsioni, è arrivata in Calabria e ha mandato in tilt il traffico sull‘autostrada Salerno-Reggio Calabria dove, a causa di due mezzi che si sono intraversati sull’asfalto viscido perché sprovvisti degli pneumatici adatti, è stato disposto il blocco totale alla circolazione tra gli svincoli di Falerna e Cosenza per consentire la rimozione dei mezzi. Il blocco è terminato solo a notte inoltrata.

Gli incidenti si sono verificati su entrambe le carreggiate tra Cosenza ed Altilia Grimaldi. A causa dello stop si sono formate due code di un paio di chilometri, con decine di persone, donne e bambini compresi, divenuti “prigionieri” dell’autostrada, chiusi nei loro mezzi esposti al gelo.

Solo in serata, dopo ore di attesa e di rabbia, i mezzi dell’Anas sono riusciti a raggiungere i mezzi intraversati rimettendoli in direzione e soccorrendo i tanti automobilisti esausti con generi di conforto. Una situazione che ha mandato su tutte le furie il presidente della Regione Mario Oliverio, che ha chiesto chiarimenti ai vertici dell’Anas.

La nevicata, così come previsto, ha imbiancato località anche a bassa quota, 300 metri sul mare ed anche meno, facendo la sua comparsa persino ad Anacapri, uno dei due comuni di Capri. L’insolito fenomeno non è sfuggito agli amanti di foto e video che non si sono lasciati sfuggire l’occasione di immortalare un panorama del tutto particolare.

Ad essere più colpita dall’ondata di maltempo è stata la provincia di Cosenza. In città è stato il caos sul fronte della viabilità con automobilisti bloccati per ore nel quartiere di Mariano Santo e nel comune di Castrolibero.

SCUOLE CHIUSE: I COMUNI – Il sindaco di  per evitare il ripetersi di una simile situazione e ridurre il rischio di incidenti, ha disposto la chiusura delle scuole per mercoledì 20 gennaio. Provvedimento analogo è stato adottato dai suoi colleghi di Rende e di Rossano, città che sorge a poco meno di otto chilometri dal mare ad una quota di soli 270 metri. Scuole chiuse anche in otto centri delle Serre vibonesi – Mongiana, Fabrizia, Brognaturo, Arena, Spadola, Nardodipace, Vallelonga e Simbario – alle prese con i problemi sulla viabilità interna.

Imbiancata anche Catanzaro dove, però, i problemi si sono registrati soprattutto in provincia. I vigili del fuoco sono dovuti intervenire nella zona di Chiaravalle per alcuni automobilisti in difficoltà per il fondo stradale innevato. Nel capoluogo, invece, la neve è riuscita ad imbiancare solo i tetti del centro storico e un po’ di strade nella periferia nord, ma senza provocare eccessivi disagi.

In ogni caso, il sindaco ha disposto per mercoledì la chiusura degli istituti di ogni ordine e grado, anche sulla scorta dell’allerta meteo diramata oggi dalla Protezione civile della Regione Calabria. La neve è stata accompagnata anche da un gelido vento di tramontana che sulla Sila ha fatto scendere la colonnina di mercurio sino ai -18.

Nevicate anche sull’Aspromonte, nel reggino, con precipitazioni anche a bassa quota. E mentre la Calabria resta nella morsa del gelo, è in via di miglioramento la situazione in Puglia dove, dopo le nevicate dei giorni scorsi, il rischio adesso è portato dal ghiaccio sulle strade.

(Foto Ansa)

Immagine 1 di 7
  • Maltempo, freddo record in Alto Adige e neve al sud FOTONeve in Molise
  • Neve in Molise
  • Neve in Molise
  • Neve a Pescara
  • Neve a Pescara
  • Neve a Pescara
  • Maltempo in Liguria
Immagine 1 di 7