Blitz quotidiano
powered by aruba

Nicolino Rabuffo morto mentre giocava a beach volley a Pescara

PESCARA – Stava giocando a beach volley nello stabilimento balneare di Pescara, l’Orsa Maggiore, di cui era proprietario. Ma nella serata di mercoledì 6 luglio Nicolino Rabuffo, 55 anni, si è improvvisamente accasciato a terra. Un malore fulminante che non gli ha lasciato scampo, nonostante la rapidità dei soccorsi. Rabuffo, classe 1961, era molto noto in città. Racconta il sito Pescara Post:

Il 55enne si sarebbe quindi improvvisamente accasciato a terra mentre stava giocando a beach volley nella struttura sulla riviera nord di Pescara nella serata di oggi. Immediati sono stati i soccorsi da parte dei familiari e dei presenti, e subito dopo sono intervenuti anche i soccorritori del 118.

Per Rabuffo, però, non c’è stato nulla da fare. Sul posto è giunta anche la polizia con alcune volanti e il medico legale Anna Maria Ambrosi. Presente anche l’ex capitano del Pescara Michele Gelsi, anch’egli titolare di una concessione balneare Rabuffo era solito giocare a beach volley tutte le sere.

Centinaia di persone raccolte in un profondo clima di commozione hanno accompagnato la salma fino al furgone delle pompe funebri. Nicola Rabuffo era un personaggio molto conosciuto sia nell’ambiente dei balneatori che in città.