Blitz quotidiano
powered by aruba

Nozze, sposa non vedente: cane guida porta le fedi

BORGO CHIESE (TRENTO) – Cerimonia di nozze nella chiesa di San Gregorio a Borgo Chiesa, in provincia di Trento: la sposa, Cinzia Marina, bellissima nel suo abito bianco, non vedente, accompagnata dal suo cane guida Unica, che ha portato le fedi nuziali. Emozionato anche lo sposo, Michele Engeler, originario di Caslano, in Svizzera.

Il fedele pastore tedesco dopo l’offertorio, con assoluta disinvoltura spiega Aldo Pasquazzo sul Corriere delle Alpi, è salito sul presbiterio per portare le fedi e poi si è accovacciato dietro agli sposi.

Pasquazzo ha seguito le nozze, ecco il suo racconto:

Gli invitati da parte dello sposo, svizzeri, hanno fatto onore agli stereotipi e sono giunti con largo anticipo. Mentre la sposa, non vedente e originaria di Trento, ha rispettato altrettanto la tradizione, presentandosi con oltre mezzora di ritardo.

(…) Emozione evidentissima anche per lo sposo, malgrado cercasse in ogni modo di ostentare sicurezza. A fare ala alla cerimonia, malgrado la provenienza di entrambi da fuori valle, anche parecchia gente del luogo, rispettosamente ai margini del porticato.

La coppia, che andrà ad abitare in Ticino, ha chiesto e ottenuto di celebrare il matrimonio nella chiesa di San Gregorio, un tempo casa dei frati e che ora ospita l’associazione “Il Ponte sul Guado”. Il marito, che indossa gessato blu e che tiene tra le mani il bouquet, è di Caslano, in Svizzera e fa di nome Michele Engeler.

La chiesa di via Brione, peraltro bene addobbata, è piena di gente. Tra gli astanti altri non vedenti, che non perdono occasione per essere vicini e far sentire il loro calore agli sposi. Sul presbiterio il padre priore Andrea Schoneller, indossa la sola stola di colore verde. All’omelia il cappuccino sottolinea i valori ed i principi della vita a due. Durante la cerimonia Michael Strom di Spiazzo Rendena e Maria Chiara Mosna di Trento con violino e violoncello eseguono prima l’Ave Maria di Gounod, poi altre musiche di Bach e infine l’Ave Maria di Schubert. 


PER SAPERNE DI PIU'