Cronaca Italia

Matteo Barbalinardo, un amico confessa l’omicidio: ucciso per pochi euro

Matteo Barbalinardo

Matteo Barbalinardo

MATERA – Un ragazzo di 17 anni ha confessato di aver ucciso Matteo Barbalinardo, il cui cadavere è stato trovato ieri, domenica 21 maggio, in un cantiere a Marconia di Pisticci, Matera, a poca distanza dalla sua abitazione.

Sul cadavere del ragazzo vi erano numerose ferite di arma da taglio. Nella notte il 17enne è stato a lungo ascoltato nel Commissariato di Pisticci della Polizia. Secondo una prima ricostruzione, il movente dell’omicidio potrebbe essere una questione relativa alla droga.

Ora il ragazzo è accusato di omicidio volontario, occultamento di cadavere e porto abusivo di arma da taglio. Durante il lungo interrogatorio nella notte, davanti al pm della Procura per i minorenni di Potenza Carmine Olivieri, il ragazzo, “scosso per quanto successo”, non ha però precisato i motivi dell’omicidio, avvenuti in “un difficile contesto sociale ed economico”.

Giovedì pomeriggio, all’interno di un cantiere abbandonato, tra i due è cominciata una lite, al culmine della quale l’omicida (che non ha precedenti penali) ha sferrato diverse coltellate alla gola e al torace del coetaneo, uccidendolo e poi coprendo il cadavere con un telo.

“E’ un evento che ci addolora e ci preoccupa perché coinvolge un ragazzo giovane che purtroppo viveva una situazione difficile”. E’ stato il commento a caldo della sindaca di Pisticci, Viviana Verri. “Non sappiamo ancora  cosa sia successo e aspettiamo l’esito degli accertamenti per valutare se l’episodio sia sintomatico di fenomeni che destano allarme sociale. Al momento non abbiamo contezza delle sue frequentazioni e del contesto in cui sono avvenuti i fatti”.

To Top