Blitz quotidiano
powered by aruba

Osimo, imprenditore si getta dal viadotto del Salinello

TERAMO – Suicidio da un viadotto in provincia di Teramo. La sera di mercoledì 22 giugno un imprenditore di 43 anni di Osimo (Teramo), Lorenzo Manuali, sposato e padre di un bimbo, noto nel mondo sportivo per aver organizzato tornei di calcio a cinque con una società che amministrava da tempo, si è buttato nel vuoto dal viadotto del Salinello, alto più di cento metri, vicino a Teramo.

L’uomo è stato visto da alcuni automobilisti in transito mentre si aggrappava alla rete di sicurezza e si gettava nel vuoto, ma nessuno ha potuto fermarlo. Sul posto sono accorsi la polizia stradale, i carabinieri e i vigili del fuoco, che hanno solo potuto recuperare il cadavere.

Secondo quanto riferisce il quotidiano Il Resto del Carlino, un possibile motivo del gesto sarebbe legato agli accertamenti dell’Agenzia dell’Entrate sulla società gestita dall’uomo.

Scrive il quotidiano bolognese:

Osimo è sotto choc per la morte di un uomo di 43 anni, padre di famiglia, molto noto in città e in provincia per aver organizzato tornei di calcio a 5 con una società che amministra da tempo.

Proprio dei controlli dell’Agenzia delle Entrate sarebbero alla base della depressione che questa mattina lo hanno spinto a lanciarsi dal ponte del Salinello, il viadotto alto più di cento metri vicino a Teramo, lungo l’A14.