Cronaca Italia

Padova, al bar per andare in bagno ti chiedono la carta di identità

Padova, al bar per andare in bagno ti chiedono la carta di identità

Padova, al bar per andare in bagno ti chiedono la carta di identità

PADOVA – Per fare la pipì serve la carta di identità. Accade a Padova, dove un cartello affisso sulla porta del bagno in un bar ha fatto sorridere e storcere il naso a più di un cliente. “Per le chiavi del bagno chiedere al bar muniti di un documento”, recita il cartello e la motivazione è piuttosto semplice: così i clienti sono costretti a restituire le chiavi per ottenere indietro il documento lasciato in ostaggio.

Un avventore ha detto al Mattino di Padova: “Secondo me è l’unico locale pubblico del Veneto dove ci vuole la carta d’identità per fare pipì”. Ma i titolari del bar situato al Capolinea Sud del tram alla Guizza spiegano che è solo mera necessità di riavere le chiavi.

“Da inizio anno – dice una delle bariste – abbiamo perso tre chiavi e siamo stati costretti a cambiare le serrature”. “Non chiediamo necessariamente il documento. Molti – aggiunge – lasciano qui gli occhiali o il telefono. L’importante è che ci sia qualcosa che funzioni come promemoria per riportarci la chiave”.

San raffaele

“Non conosco il caso specifico – commenta il segretario dell’Associazione Provinciale Pubblici Esercizi, Filippo Segato – ma qualora il problema fosse di questo genere siamo pronti a coadiuvare l’esercente nella richiesta, da fare al proprietario dell’immobile, di adeguare la struttura affinché l’utilizzo dei servizi igienici non vada a discapito dell’attività imprenditoriale”.

To Top