Cronaca Italia

Padova, bengalese abusò minore disabile. E ora pena ridotta

Padova, bengalese abusò minorenne. E ora pena ridotta

Padova, bengalese abusò minorenne. E ora pena ridotta (foto d’archivio)

PADOVA – Aveva violentato una minorenne disabile a Padova: per questo reato Zahirul Zahirul, un bengalese, è stato condannato in primo grado a 4 anni e in Appello a 2 anni e mezzo.

Della vicenda parla Libero:

Aveva adescato la ragazzina, all’epoca di 17 anni, che in quei giorni era ospite dai nonni in città: lei era in giro col cane, lui la ha avvicinata e la ha convinta ad entrare nel suo garage. Là dentro si consuma la violenza: l’aguzzino, alla fine, le fa anche due regali, a ricordarle l’orrore subito (una lattina di Coca Cola e un mazzo di fiori).

Quando la ragazzina torna a casa, i nonni subito capiscono che ci sia qualcosa che non va. Si insospettiscono e chiamano la polizia. La storia emerge in tutto il suo orrore, e il bengalese viene arrestato il 23 maggio 2014. La ragazzina – afflitta da un ritardo mentale di media entità – aveva raccontato tutto ciò che aveva subito (inoltre, nel corso delle indagini, sui pantaloni della minorenne è stato ritrovato il Dna dell’uomo).

Ma un fatto ancor più sconcertante deve ancora avvenire. E avviene – due volte – in tribunale. Il primo fatto, in primo grado: il giudice dell’udienza preliminare gli dà quattro anni di carcere con lo sconto previsto dal rito abbreviato. Quattro anni per una violenza s******e su una minore disabile. Il secondo fatto, ancor più sconcertante: la Corte d’Appello di Venezia ha dimezzato la pena al bengalese, portandola a due anni e quattro mesi. I giudici infatti hanno ricalcolato la pena partendo dal minimo edittale di cinque anni e gli hanno riconosciuto le attenuanti che non aveva ottenuto in primo grado. Come se non bastasse, sono state revocate anche le misure di sicurezza.

To Top