Blitz quotidiano
powered by aruba

Padova: parte per errore colpo fucile, padre uccide figlio

PADOVA – Padova: parte per errore colpo fucile, padre uccide figlio. Un colpo di fucile partito accidentalmente dal fucile del padre che ha ucciso il figlio 15enne. E’ accaduto sabato pomeriggio a Bovolenta (Padova).

Come riporta Il Gazzettino, sul posto i carabinieri hanno cercato di ricostruire l’accaduto. L’incidente sarebbe avvenuto mentre il padre stava appoggiando l’arma, che pare essere regolarmente detenuta, a terra, al termine di una battuta di caccia.

E pensare che la stagione venatoria si chiude domenica con un dato allarmante, il numero delle vittime, 16 finora, e un’incognita per il futuro: l’intervento politico sul Corpo forestale e le Polizie provinciali, avvertono gli ambientalisti, rischia di spianare la strada ai bracconieri, che anche quest’anno hanno messo nel mirino uccelli e lupi.

Per l’Associazione vittime della caccia il bilancio “umano” parziale è di 16 morti e 67 feriti, di cui 15 feriti non cacciatori (3 minorenni), per armi da caccia in ambito venatorio. Ben più alto, ovviamente, il bilancio “illegale” nel mondo animale. Stando ai dati rilevati da Cabs, nei tre mesi di massima migrazione degli uccelli, fra settembre e novembre, sono stati perpetrati il 58% di tutti i reati riscontrati nell’anno, “a dimostrazione del fatto che il bracconaggio in Italia è ancora legato all’uccellagione”.

 


TAG: