Blitz quotidiano
powered by aruba

Padova, scivola ballando e si frattura femore: risarcito

PADOVA – Stava ballando in un ristorante-dancing quando è caduto rovinosamente a terra provocandosi la frattura del femore. E così un uomo di 75 anni, dopo un lungo periodo di battaglia legale, è riuscito a ottenere un risarcimento. E’ successo a Cadoneghe, provincia di Padova. L’uomo, una sera del 2012, ha partecipato ad una cena danzante insieme ad alcuni amici. Non sapeva però che uno dei camerieri, su segnalazione del titolare, aveva cosparso il pavimento di farina per agevolare i passi di danza.

Il pavimento però lo ha tradito e l’uomo è scivolato provocandosi alcune fratture. Il resto della storia lo racconta La Nuova Venezia:

Il danneggiato, per essere risarcito, si è quindi rivolto a Studio 3A,La compagnia assicurativa del locale, UnipolSai, però, ha risposto picche, negando ogni responsabilità. E’ cominciata così una battaglia legale con un processo civile. Fatti tutti gli accertamenti tra cui una visita medico legale con consulente tecnico d’ufficio incaricato ad hoc, il giudice del Tribunale di Padova ha accolto le istanze del 75enne. Pur ascrivendo anche all’anziano una parte di responsabilità nella caduta, il giudice gli ha condannato UnipolSai a rifondergli una somma di 10mila e 500 euro: il Ctu (consulenza tecnica d’ufficio), ha determinato un’invalidità permanente dell’8 per cento, più 137 giorni di temporanea.

Il giudice ha ritenuto di aumentare del 20 per cento l’ammontare della liquidazione per il danno biologico in ragione degli esiti permanenti riportati, consistenti in una limitazione algico-funzionale dei movimenti dell’anca sinistra e in uno scatto doloroso alla flesso-estensione. A causa di queste conseguenze infatti il pensionato di Mira è rimasto leggermente zoppo e per muoversi ha bisogno del bastone.

La compagnia di assicurazione dovrà pagare tutte le spese legali, comprese quelle sostenute dall’anziano ballerino.


TAG: