Blitz quotidiano
powered by aruba

Papa Francesco rinuncia agli appartamenti di Castel Gandolfo

ROMA – Papa Francesco rinuncia agli appartamenti di Castel Gandolfo. E a a partire dal 21 ottobre, infatti, le stanze pontificie di Castel Gandolfo diventeranno un museo. L’appartamento, che dal Seicento (tranne un periodo di abbandono dal 1870 agli anni Venti) era sempre disponibile per il Papa, verrà inglobato al resto della struttura, che già da oltre un anno è visitabile da fedeli e turisti.

La decisione, che farà piacere a molti turisti, non è però stata accolta con particolare favore dalla comunità locale. Il sindaco di Castel Gandolfo, Milvia Monachesi, spiega infatti a la Repubblica che “noi continuiamo ad aspettare e sperare che papa Francesco trascorra qualche giorno qui”. Ma benché la mancata presenza del pontefice negli ultimi anni abbia avuto come conseguenza iniziale la chiusura di alcune attività commerciali, “ora abbiamo trovato un nuovo equilibrio” grazie sia all’apertura del palazzo “voluta proprio dal Papa”, sia per merito “del treno santo che ogni sabato collega il nostro borgo a San Pietro, carico di pellegrini”.