Blitz quotidiano
powered by aruba

Parcheggi in doppia fila? Rischi molto più di una multa

ROMA – Parcheggiare in doppia fila non costerà più solo una multa, ma potrebbe anche essere considerato un reato a tutti gli effetti. L’automobilista che parcheggia l’auto in modo tale da ostruire l’unica via che consente il passaggio di un’altra autovettura per entrate e uscire da casa o dal parcheggio rischia, infatti, una condanna per violenza privata.

E’ quanto si legge su Studio Cataldi. “Il reato ex art. 610 c.p. – scrivono – si realizza in presenza di qualsiasi mezzo idoneo a privare coattivamente l’offeso della libertà di determinazione e di azione”.

Un principio già sostenuto più volte dalla Cassazione, scrive lo Studio Cataldi, ad esempio nella sentenza n. 48346/2015: in quel caso la Suprema Corte ha evidenziato che integra violenza privata il parcheggio “selvaggio” dell’autovettura che, impedendo di fatto ogni passaggio, aveva reso alla parte offesa difficoltoso o del tutto impossibile spostare il proprio veicolo. Stessa sorte è toccata a chi ha parcheggiato in modo tale da bloccare l’unico accesso a un fondo altrui, oppure ad automobilisti il cui mezzo, posizionato nel cortile condominiale, ha impedito l’uscita degli altri veicoli.


TAG: ,