Blitz quotidiano
powered by aruba

Parma: nigeriano morto in strada, profonda ferita alla testa

PARMA – Il corpo senza vita di un uomo, con una profonda ferita alla testa, è stato trovato in strada nella notte tra il 31 ottobre e l’1 novembre poco dopo le 3, alla prima periferia nord di Parma. La vittima sarebbe un ventiduenne di nazionalità nigeriana che percorreva in bicicletta via Gobetti, una piccola strada del quartiere San Leonardo dove gli abitanti lamentano una forte presenza di spacciatori.

Alcuni residenti hanno detto di aver sentito colpi di pistola e hanno dato l’allarme a polizia e 118, altri hanno avvertito le grida di un litigio. Gli agenti delle Volanti e della Squadra Mobile sono intervenuti con i tecnici della Scientifica, ancora al lavoro in mattinata. Per ora gli investigatori non confermano nè smentiscono l’ipotesi che la morte sia stata causata da colpi d’arma da fuoco; la Questura, con un breve comunicato, riferisce che “sono in corso indagini per stabilire le cause del decesso”.

Le indagini condotte dalla squadra Mobile e coordinate dal pm Umberto Ausiello avrebbero accantonato l’ipotesi di una sparatoria, mentre quella di un’aggressione viene attentamente considerata, anche se non si esclude a priori un tragico incidente in bicicletta. Marito e moglie hanno sentito grida dalla strada e, preoccupati perché le figlie dovevano ancora fare ritorno a casa nella notte di Halloween, sono usciti e hanno trovato il corpo del nigeriano.

“Ma non saprei dire se le grida erano state provocate da un litigio o dalla preoccupazione di altre persone”, ha riferito l’uomo, spiegando che vicino al nigeriano si erano radunati una decina di giovani stranieri, probabilmente suoi amici, uno dei quali ha anche chiesto al cittadino di avvisare il 118. La vittima, che da qualche tempo viveva a Parma, non era conosciuta alle forze dell’ordine. .