Cronaca Italia

Pastelli Lebez sequestrati non sono tossici: tribunale assolve l’azienda di Correggio

Pastelli Lebez sequestrati non sono tossici: tribunale assolve l'azienda di Correggio

Pastelli Lebez sequestrati non sono tossici: tribunale assolve l’azienda di Correggio

CORREGGIO (REGGIO EMILIA) – Il tribunale di Reggio Emilia assolve la Lebez di Correggio: “I pastelli sequestrati nel 2013 non sono tossici”.

E’ stata così ribaltata la decisione che tre anni e mezzo fa portò al sequestro di 160mila confezioni di pastelli considerati nocivi per la salute. Secondo la tesi difensiva accolta dal giudice, infatti, le matite evidenziatrici finite nel mirino della procura sono prodotti per professionisti, non adatti ai bambini, e in ogni caso per forma, utilizzo, dimensioni, composizione chimica e fisica non sono nocivi per la salute dei più piccoli.

 

Il tribunale di Reggio Emilia ha così assolto per non aver commesso il fatto Vilmo Bezzecchi, 92 anni, legale rappresentante e presidente del Consiglio di amministrazione dell’azienda di Correggio, leader in Europa nel settore dei materiali di cancelleria.

L’assoluzione, ricorda La Gazzetta di Reggioè arrivata nonostante la requisitoria dell’accusa coincisa con la richiesta di condanna ad 8 mesi di reclusione per l’imprenditore.

Il giudice ha stabilito il dissequestro immediato della merce, che secondo l’accusa era stata importata all’interno della Comunità europea in violazione della direttiva 2009/48/Cee che vieta l’immissione in commercio di prodotti non marcati CE e destinati a bambini sino a 14 anni per finalità di gioco. Non solo: sempre secondo l’accusa quei pastelli sarebbero stati nocivi perché contenenti nella vernice esterna sostanze nocive per la salute, gli ftalati.

Adesso la sentenza del tribunale di Reggio Emilia riabilita i pastelli e ne chiede il dissequestro.

To Top