Blitz quotidiano
powered by aruba

Pastrengo, Alessandra Maffezzoli uccisa dall’ex convivente Giuliano Falchetto

VERONA – L’ha pugnalata ripetutamente e poi le ha fracassato un vaso in testa. E’ morta così Alessandra Maffezzoli, maestra elementare di 46 anni, uccisa nella notte tra mercoledì e giovedì. L’ennesimo caso di femminicidio si è consumato a Pastrengo, in provincia di Verona. In manette l’ex convivente della donna, Giuliano Falchetto, barista di 53 anni di Caprino Veronese. Portato in caserma dopo essere stato rintracciato, l’uomo ha confessato l’omicidio davanti al magistrato.

A chiamare i carabinieri era stato un vicino, allarmato dalle urla provenienti dalla casa. Erano da poco passate le 21. Quando sono arrivati però i rumori erano finiti. Hanno fatto il giro e visto la donna riversa a terra. Su suggerimento del vicino hanno cercato l’auto dell’ex convivente, una Lancia Bianca.

Dopo aver compiuto l’omicidio, Falchetto era fuggito macchina. Mentre le pattuglie dei Carabinieri lo stavano già cercando è arrivata alla centrale la segnalazione del portiere di un albergo di Castelnuovo che ha riferito della presenza di un uomo che si aggirava con fare sospetto nella struttura turistica. Sembra che prima di essere bloccato dai militari Falchetto abbia tentato di suicidarsi gettandosi nel lago.