Blitz quotidiano
powered by aruba

Patente ritirata perché ubriaco alla guida: si impicca

BELLUNO – La patente gli è stata ritirata nel giorno di Pasquetta dopo essere stato sorpreso alla guida della sua auto in stato di ebrezza. Una preoccupazione troppo grande per l’uomo residente in sinistra Piave, nella provincia di Belluno, che nella notte tra 29 e 30 marzo si è tolto la vita impiccandosi. A trovare il corpo  privo di vita è stato il fratello, che era andato a cercarlo nella prima mattinata.

Il sito Diretta News scrive che il gesto estremo compiuto dall’uomo per via della patente ritirata non è il primo in Italia. I precedenti simili sono stati diversi, anche nella stessa zona:

“il giorno di Ferragosto del 2010, un operaio di 24 anni della provincia di Carbonia-Iglesias, al quale i Carabinieri avevano sequestrato l’auto perché trovato alla guida con un livello di alcool nel sangue di 1,70, venne trovato dal padre impiccato nella sua camera. A novembre del 2013, dopo essere stato trovato ubriaco alla guida, si è impiccato con una corda appesa a un albero, in un terreno davanti alla casa in cui viveva con i genitori, a Montelupone, nel maceratese, il 25enne Simone Ferramondo.

A gennaio dello scorso anno, in provincia di Imperia, si tolse la vita il 35enne Dario Desiglioli: “Mio figlio non ha retto al terzo ritiro di patente per guida in stato di ebbrezza, così gli è crollato il mondo addosso e sono svaniti tutti i progetti che aveva. È per questo che si è tolto la vita”, raccontò la madre. Un mese prima, a Codroipo, in provincia di Udine, si era ucciso un 51enne del posto. Infine, alla fine dello scorso anno, sempre in provincia di Udine, è stato salvato in extremis da un passante un 50enne che intendeva impiccarsi dopo il ritiro della patente di guida”.

 

GM


PER SAPERNE DI PIU'