Cronaca Italia

Pavone Canavese (Torino), si impicca a 14 anni: si indaga anche sul bullismo

Pavone Canavese (Torino), si impicca a 14 anni: si indaga anche sul bullismo

Pavone Canavese (Torino), si impicca a 14 anni: si indaga anche sul bullismo

IVREA (TORINO) – Ancora un minorenne suicida nel Canavese, in Piemonte. Dopo l’episodio di San Benigno, un ragazzino di 14 anni di Pavone Canavese (Torino) si è tolto la vita impiccandosi a una tettoia vicino a casa. Sono stati i genitori a trovarlo.

Il ragazzino era studente di un istituto professionale e aveva anche fatto parte del Consiglio comunale dei ragazzi del suo paese. I carabinieri della compagnia di Ivrea stanno cercando di capire le motivazioni che lo hanno spinto a togliersi la vita. L’adolescente non ha lasciato biglietti per spiegare il gesto.

Sembra che la sera prima del suicidio i genitori avessero negato al ragazzo di andare in gita con alcuni amici, visto che di recente era morto il nonno. A spingere il ragazzino al gesto estremo potrebbe essere stato quel litigio, magari sommato al dolore per la perdita del nonno.

Secondo quanto riferisce la Sentinella del Canavese, i carabinieri hanno sequestrato il telefono cellulare e il personal computer del ragazzo alla ricerca di elementi utili alle indagini. Per il momento non viene trascurata l’ipotesi che il quattordicenne canavesano sia una vittima del cyberbullismo.

Lo scorso 17 agosto un quindicenne si è sparato con la pistola del padre, regolarmente detenuta, forse per una delusione d’amore.

 

To Top