Blitz quotidiano
powered by aruba

Pegli (Genova): Giacomo Sfragaro strangola la moglie dopo lite

GENOVA – Un pensionato di 77 anni, Giacomo ha strangolato la moglie, 76 anni, dopo un litigio avvenuto nella loro abitazione, in via Antica Romana a Pegli (Genova). La lite sarebbe andata avanti per ore.

L’omicidio è avvenuto la scorsa notte. Dopo il delitto l’anziano ha chiamato i carabinieri di Arenzano ai quali ha raccontato l’accaduto: è stato arrestato.

A incrinare il rapporto tra gli anziani coniugi sarebbe stata la morte dell’unico figlio, avvenuta nel 2012, a 44 anni. L’uomo morì annegato davanti alla spiaggia di Voltri (Genova). Da allora la coppia ha cominciato a litigare. Le liti erano sempre più frequenti, secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri della compagnia di Arenzano, ed anche violente. Non c’era giorno che i due non litigassero. Il pensionato arrestato è Giacomo Sfragaro, la moglie si chiamava Giuseppina Minatel.

Qualche dettaglio dal Secolo XIX:

L’uomo ha strangolato la donna e poi ha avvisato i carabinieri: i militari della compagnia di Arenzano si sono precipitati nell’appartamento e lo hanno arrestato; Sfragaro è stato poi portato nella caserma di via Chiossone per l’interrogatorio con il pubblico ministero, Vittorio Ranieri Miniati. Secondo le testimonianze di alcuni vicini di casa, la coppia litigava spesso furiosamente, sino al tragico epilogo di questa notte; il 24 maggio del 2012 il figlio Marco, che allora aveva 44 anni, era annegato in mare mentre nuotava al largo di Voltri. Sfragaro aveva lavorato come consulente legale per una ditta del porto di Genova, mentre lei era una maestra di scuola elementare.


TAG: