Cronaca Italia

Per Inps era cieco, ma faceva il guardalinee: truffa da 130mila euro

Per Inps era cieco, ma faceva il guardalinee: truffa da 130mila euro

Per Inps era cieco, ma faceva il guardalinee: truffa da 130mila euro

TERNI – All’Inps risultava cieco al 100%, tanto da aver diritto alla relativa pensione di invalidità civile, ma in realtà ci vedeva benissimo, così bene che non aveva problemi a fare la spesa, leggere documenti e addirittura fare il guardalinee in una partita di calcio dilettantistico.

Tutte attività che gli sarebbero dovute essere impossibili nel suo stato di cecità: per questo l’uomo, 58 anni, originario di Padova ma da anni residente a Terni, è stato posto agli arresti domiciliari.

Truffa aggravata continuata in concorso ai danni dello Stato è il reato contestato all’uomo, così come alla compagna, una donna dominicana di 50 anni, che è stata invece denunciata perché ritenuta complice del piano.

San raffaele

Secondo quanto accertato l’uomo dal febbraio 2008 ad oggi, fingendo di essere cieco assoluto, avrebbe ottenuto in totale, e illecitamente, 130 mila euro di indennità pensionistica.

Gli accertamenti erano partiti nel febbraio scorso da un equipaggio di carabinieri che conosceva il sospettato. Infatti l’uomo, già inquisito per truffe e reati legati agli stupefacenti, ogni volta che si recava in caserma veniva accompagnato dalla sua convivente perché, apparentemente, non vedente. I militari hanno però notato l‘uomo in giro per la città, mentre svolgeva in piena autonomia normali attività quotidiane, che sono state riprese da fotografie e video.

In un’occasione, inoltre, è stato ripreso mentre faceva il guardalinee in una partita di calcio dilettantistico: alzava la bandierina per segnalare che la palla era uscita, seguiva l’azione dei giocatori lungo il campo e, alla fine del primo tempo, aveva cambiato lato, senza l’aiuto di accompagnatori o strumenti tecnici.

Anche alcuni tra gli oltre 20 episodi di truffa, anche online, commessi in precedenza dall’uomo in tutta Italia sarebbero, secondo gli investigatori, incompatibili con la sua dichiarata cecità totale.

I militari gli hanno sequestrato tutta la documentazione medica ed amministrativa relativa all’invalidità e, sulla base dei rilievi svolti insieme alla guardia di finanza, gli hanno sequestrato, in banche e uffici postali, i conti correnti, libretti di risparmio, fondi azionari e obbligazionari e cassette di sicurezza.

To Top