Blitz quotidiano
powered by aruba

Polizia, concorso per 80 commissari: requisiti, prove esame

ROMA – Il Dipartimento della Pubblica Sicurezza ha pubblicato un nuovo Bando di concorso, per selezionare 80 commissari, all’interno della Polizia di Stato. Le domande possono essere inviate sino a lunedì 18 aprile. I candidati devono essere laureati in materie economico-giuridiche. Per accedere agli 80 posti disponibili, l’età massima è pari a 32 anni; fanno eccezione coloro che lavorano nell’amministrazione civile del Ministero dell’Interno, il cui limite è elevato a 40 anni. Non ha vincoli anagrafici, inoltre,chi appartiene ai ruoli degli agenti e assistenti e dei sovrintendenti della Polizia, possieda 3 anni di anzianità di servizio alla data del bando.

Per partecipare al concorso, sono richiesti i seguenti requisiti:

–  età non superiore a 32 anni al 18 aprile 2016 (esclusi i dipendenti del Ministero dell’Interno e gli appartenenti ai ruoli di agenti e assistenti dei sovrintendenti della Polizia con 3 anni di anzianità);

– laurea in Giurisprudenza, scienze politiche o economia ed assimilate;

– cittadinanza italiana e godimento dei diritti politici;

– pos delle qualità morali e di condotta per l’accesso a funzioni pubbliche;

– idoneità fisica, psichica ed attitudinale al servizio di polizia;

– non essere stati obiettori di coscienza ammessi a prestare servizio civile;

– non essere stati  espulsi dalle Forze Armate o dai Corpi militarmente organizzati;

– non essere stati destituiti dai pubblici uffici, decaduti da un impiego statale, o dispensati dall’impiego per persistente insufficiente rendimento;

– non aver riportato una condanna a pena detentiva per delitto non colposo;

– non essere stati sottoposti a misura di sicurezza o di prevenzione.

Prove d’esame.

L’iter selettivo consiste nella previsione di diverse verifiche, inerenti la conoscenza delle materie giuridiche, della lingua straniera prescelta e dell’informatica.

Prova preselettiva.

Qualora il numero di partecipanti superi le 5.000 unità, sarà prevista una prova preselettiva, consistente in test a risposta multipla sulle seguenti materie:

– diritto penale;

– diritto processuale penale;

– diritto costituzionale;

– diritto amministrativo;

– diritto civile.

Le domande saranno sia facili (30%), che medie (50%) e difficili (20%); sarà comunque pubblicata la banca dati dei test nel sito della Polizia di Stato: al termine della verifica, il punteggio dei quiz non concorrerà a formare il punteggio della graduatoria finale di merito.

Prove di efficienza fisica, psichica ed attitudinale.

Superata l’eventuale preselezione, i candidati dovranno sottoporsi a prove di efficienza fisica (salto in alto, corsa, sbarra), psichica ed attitudinale. Per accertare l’idoneità fisica saranno effettuati degli esami di laboratorio.

Verifiche scritta.

Sono poi previste due prove scritte che consisteranno nella redazione di elaborati vertenti nei seguenti argomenti: diritto  costituzionale, diritto amministrativo , diritto  penale  e diritto processuale penale.

Verifica orale.

La verifica orale consisterà in un colloquio vertente  nelle seguenti materie, oltre a quelle affrontate negli scritti:

– diritto del lavoro;

– diritto della navigazione;

– medicina legale;

– ordinamento dell’amministrazione della pubblica sicurezza;

– nozioni di diritto internazionale;

–diritto civile, nelle parti concernenti le persone, la famiglia, i diritti reali, le obbligazioni e la tutela dei diritti;

– lingua straniera prescelta dal candidato tra inglese, francese, tedesco e spagnolo (nella prova si dovrà tradurre un testo ed effettuare una conversazione);

– informatica (la prova verterà sull’utilizzo delle apparecchiature e delle applicazioni più diffuse).

Presentazione delle domande.

Le domande possono essere presentate esclusivamente per via telematica, servendosi del sito della Polizia di Stato (http://www.poliziadistato.it) o della pagina dedicata ai Concorsi del sito del Ministero dell’Interno (https://concorsips.interno.it); le istanze possono essere inoltrate  sino al 18 aprile 2016. Sarà necessario stampare la ricevuta d’invio  per essere ammessi alla partecipazione alle verifiche.