Cronaca Italia

Pontedera, papà tenta di uccidere sé e il figlio. Augusto, 9 anni, si salva scendendo dall’auto

Pontedera, papà tenta di uccidere sé e il figlio. Augusto, 9 anni, si salva scendendo dall'auto

Pontedera, papà tenta di uccidere sé e il figlio. Augusto, 9 anni, si salva scendendo dall’auto

VOLTERRA – E’ riuscito a salvarsi dalla follia omicida e suicida del padre. Augusto, 9 anni appena, ha trovato la forza e il coraggio di scendere dall’auto già satura di gas e di correre a cercare aiuto. E’ accaduto domenica 2 aprile a Montecatini Val di Cecina, in provincia di Pisa. Quando si è accorto che il padre non si muoveva più il bimbo ha aperto la portiera dell’auto e si è trascinato fino all’abitazione più vicina. Alle persone che gli hanno aperto la porta ha spiegato l’accaduto e poi è stato soccorso e trasferito in ospedale a Pontedera (Pisa).

Il papà 43 anni, è stato trovato poco dopo, ormai senza vita, all’interno della vettura. Accanto a lui alcuni scritti dell’uomo nei quali spiegava le ragioni del gesto. Il 43enne è stato rinvenuto in posizione reclinata sul sedile posteriore. Un dramma annunciato alcuni giorni fa su Facebook, quando il padre scriveva: “Non chiederei poi molto…vedere il mio cucciolo”. Il 28 febbraio l’uomo aveva condiviso anche un video dell’associazione padre separati che denunciava come migliaia di uomini separati non possano vedere i propri figli con regolarità.

In un altro post lamentava di non aver potuto vedere la pagella del figlio e scriveva :“Neppure conosco la pagella ancora…!!! Pur avendo chiesto.. La scorsa volta per vederla ho dovuto chiedere ad un giudice.. questa volta sarà lo stesso?!”. Il papà non accettava che il figlio dopo la separazione dalla moglie avvenuta nel 2012, fosse stato affidato in via esclusiva alla madre. Il primo marzo, invece, aveva postato un messaggio: “Condividi il fiocco bianco contro la violenza sui bambini”. E poi tante foto con il figlio, un bimbo dalla faccia vivace e sveglia. L’ultimo post risale a sabato mattina quando l’uomo ha preso il treno da Santa Maria Novella per passare l’ultimo week end con il suo bambino.

Si è recato ad Afragola, in provincia di Napoli, dove il piccolo vive insieme alla madre, e lo è andato a prendere all’uscita da scuola, con la promessa di riportarlo a casa per cena. Insieme al figlio ha fatto ritorno in Toscana e ha vagato in auto per tutta la notte per poi arrestarsi domenica mattina a Montecatini. Non vedendoli rientrare a tarda sera la madre aveva già denunciato la scomparsa del figlio. In piazza XXV aprile, non distante dal centro del paese, l’uomo ha parcheggiato l’auto, ha aperto la bombola del gas che si era procurato per saturare l’abitacolo e togliere la vita a sé stesso e al figlio.

Fortuna che il bambino si è svegliato in tempo ed è riuscito a mettersi in salvo. E’ corso a chiedere aiuto anche per il suo papà, ma all’arrivo dei soccorsi per l’uomo non c’era più nulla da fare.

 

To Top