Blitz quotidiano
powered by aruba

Pozzuoli, litiga col fidanzato e si lancia su scogli: morta

NAPOLI – Ha litigato col suo fidanzato e si è lanciata sugli scogli, morendo poco dopo in ospedale. E’ accaduto la sera del 1° maggio a Pozzuoli, vicino Napoli, dove una donna di 37 anni si è gettata dal muretto del lungomare vicino al parcheggio multipiano di via Napoli. Nonostante i soccorsi, per la donna non c’è stato nulla da fare: è morta dopo il ricovero in ospedale.

Gennaro Pelliccia su Il Messaggero scrive che la donna era in scooter con il fidanzato di 43 anni, quando durante un litigio per motivi di gelosia gli ha chiesto di accostarsi e si è gettata sugli scogli:

“Nelle dichiarazioni rese alla polizia l’uomo ha raccontato: «Rientravamo da una cena consumata a Pozzuoli e viaggiavamo sul mio scooter. Io le avevo chiesto conto di un graffio e di un livido che aveva sul collo. Lei in maniera anche violenta, battendo il pugno sul mio casco, senza rispondermi, mi ha intimato di fermarmi: cosa che ho fatto. La discussione è continuata sempre con toni e gesti violenti. Poi – continua l’uomo – infastidito dal suo atteggiamento, mi sono girato e le ho dato le spalle, ignorandola. Dopo pochi istanti mi sono rigirato e non l’ho vista più, ma ho notato un gruppetto di persone, di fronte, che guardavano giù sugli scogli. Mi sono avvicinato e ho fatto la tragica scoperta, rimanendo scioccato».

Subito dopo l’accaduto sono arrivati i sanitari del 118 e una squadra dei Vigili del Fuoco che, con una scala, hanno dovuto calarsi nello strapiombo per recuperare il corpo che è andato a schiantarsi su un massetto di cemento armato. Le condizioni della vittima sono apparse subito molto gravi. Trasportata all’ospedale San Paolo di Fuorigrotta è morta alle 20,35. Sono stati trasmessi gli atti alla Procura della Repubblica per le indagini. Pare che la donna, da un passato difficile, sembra anche con problemi di alcool, vivesse con il padre e che avesse avuto un’infanzia molto complicata, avendo anche perso la madre all’età di sei anni”.


PER SAPERNE DI PIU'