Blitz quotidiano
powered by aruba

Processo Le Iene, chiesta multa per D’Alessio e Tatangelo

Processo Le Iene, chieste multe da 600 euro per i cantanti Gigi D'Alessio e Anna Tatangelo

MILANO – Quattro mesi di reclusione per Filippo Roma, giornalista del programma televisivo Le Iene, sono stati chiesti dal pm al termine della requisitoria nel processo per presunta diffamazione ai danni della casa editrice Cairo. L’accusa riguarda alcune puntate del programma durante le quali sarebbe stata messa in dubbio la veridicità di articoli pubblicati su Nuovo e Diva e Donna, due periodici del gruppo editoriale che si è costituito parte civile. Richiesta di pene minori per gli altri imputati: si va dagli 800 euro chiesti per Davide Parenti, autore e regista del programma trasmesso su Italia 1, ai 600 euro chiesti per il cantante Gigi D’Alessio, per la moglie Anna Tatangelo e per la soubrette Eleonoire Casalegno.

Per l’ex direttore di Italia 1 Luca Tiraboschi e per Vanessa Incontrada l’accusa ha chiesto invece l’assoluzione, rispettivamente perchè il fatto non sussiste e perché il fatto non costituisce reato. Durante l’udienza odierna è intervenuto anche il difensore di Antonella Silvestri, giornalista del settimanale Nuovo e parte civile nel processo, che ha chiesto al giudice un risarcimento danni senza tuttavia quantificarlo.

Al centro del servizio delle ‘Iene’ alcune interviste rilasciate ai due settimanali da Elenoire Casalegno, Vanessa Incontrada, Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo, con particolari della loro vita privata. Le due soubrette e i due cantanti, rispondendo alle domande del giornalista Filippo Roma, avevano parlato di dichiarazioni, in sostanza, inventate. In realtà esistono le registrazioni delle loro affermazioni conservate negli archivi dei due periodici. Il conduttore televisivo Marco Balestri è stato convocato come teste in quanto nel 2012 condusse insieme a Elenoire Casalegno la finale del concorso Miss Reginetta d’Italia a Pontecagnano (Salerno), al termine della quale la showgirl rilasciò l’intervista a una giornalista collaboratrice dei settimanali Cairo.