Blitz quotidiano
powered by aruba

Processo Massimo Bossetti, rissa all’ingresso del tribunale

BERGAMO – Omicidio di Yara Gamirasio, rissa all’ingresso del tribunale di Bergamo tra i cittadini che volevano assistere al processo a Massimo Giuseppe Bossetti.

Gli agenti della questura sono dovuti intervenire per calmare gli animi. Fin dalla mattinata tantissime persone si erano messe in coda per entrare in aula e ascoltare la requisitoria del pubblico ministero. Dopo la pausa pranzo si è formata una coda di fronte all’ingresso principale del tribunale di via Borfuro. La gente si è messa in coda aspettando un’ora prima di poter entrare. Forse è stata proprio l’attesa ad aver creato tensione.

Dopo la pausa del primo pomeriggio c’è stato qualche spintone tra il pubblico che, all’entrata del tribunale, attendeva per entrare e assistere al processo per l’omicidio della tredicenne di Brembate di Sopra (Bergamo).

La difesa di Massimo Giuseppe Bossetti ha detto di aspettarsi una richiesta di ergastolo da parte del pubblico ministero.

Riguardo la certezza mostrata dal pm Letizia Ruggeri sul dna sul cui la difesa ha sempre avanzato dubbi, gli avvocati Salvagni e Camporini hanno spiegato: “Delle due l’una: o è una traccia certa o non lo è”. I legali hanno sottolineato che a proposito della traccia da cui è stato estratto il dna, sia stato escluso che si tratti di saliva o sperma. “Sappiamo solo di che cosa non è composto”.