Blitz quotidiano
powered by aruba

Prof in gita fanno scendere studenti da bus. Poi lo schianto

FERMO – Prof in gita con gli studenti li fanno scendere dal pullman: l’autista guida in modo troppo spericolato. E poco dopo, infatti, si schianta contro un guard rail. E’ stata preziosa l’intuizione di quattro insegnanti in gita con due classi di ragazzini di Fermo, nelle Marche. Una intuizione sicuramente dettata anche da quanto accaduto a sette ragazze italiane, studentesse del progetto Erasmus, in Spagna non molti giorni fa.

Le due classi di Fermo, riferisce il Corriere Adriatico, erano state in visita a Napoli. Al rientro, gli insegnanti si sono accorti che qualcosa non andava: ad un certo punto lo specchietto laterale si è rotto scontrandosi con un cartello, mentre l’autista non rispondeva ai richiami di moderare la velocità. Così i professori hanno deciso di far scendere tutti gli studenti e di proseguire a piedi, anche se si trovavano in superstrada.

Ecco il racconto del Corriere Adriatico:

“Premonizione giusta, come la decisione presa dai quattro insegnanti dopo un viaggio d’andata a dir poco rischioso, con uno specchietto rotto contro un cartello e i richiami continui, disattesi, di moderare la velocità. Ecco la volontà di proseguire a piedi, pur se in superstrada, e di comunicare all’agenzia che aveva organizzato la gita scolastica di volere un altro autista a disposizione.

L’incidente, annunciato, si è materializzato poco dopo con il pullman carico, fortunatamente, solo delle valige dei ragazzini: gravissimo, ora, l’autista che per cause ancora in corso d’accertamento si è andato a schiantare contro un new jersey. Le testimonianze, a riguardo, inquadrano il fatto come una tragedia annunciata.

Una tragedia sfiorata ed evitata, invece, per i ragazzi delle classi prima sezione C e D del liceo Annibal Caro di Fermo e per i quattro insegnanti che li accompagnavano nella gita scolastica di due giorni a Napoli e Pompei, partiti nelle prime ore di martedì scorso da Fermo e tornati sani e salvi a casa ieri”.


TAG: ,

PER SAPERNE DI PIU'