Blitz quotidiano
powered by aruba

Profughi a lezione di sci, Lega: “Schiaffo agli italiani”

Il generoso gesto non ha mancato di solevare polemiche: "Mentre gli Italiani sono sempre più poveri, i migranti frequentano i corsi di sci" questo in estrema sintesi il pensiero di Massimo Bessone coordinatore Lega Nord per le Valli Isarco e Pusteria.

BOLZANO – Otto richiedenti asilo ospitati dalla Caritas all’ex caserma “Gnutti” nel centro di accoglienza Val di Vizze, sono stati accompagnati dagli operatori sulle piste di Ladurno – Colle Isarco, dove hanno potuto fare la loro prima lezione di sci grazie alla disponibilità dei maestri che si sono prestati a titolo gratuito. Iniziativa che però ha scatenato diverse polemiche a Bolzano, come racconta l’Alto Adige:

Il generoso gesto non ha mancato di solevare polemiche: “Mentre gli Italiani sono sempre più poveri, i migranti frequentano i corsi di sci” questo in estrema sintesi il pensiero di Massimo Bessone coordinatore Lega Nord per le Valli Isarco e Pusteria. “Chi avrà pagato poi? – si chiede nella nota il coordinatore – Chissà?! La scuola non vuole rispondere. Spero che qualcuno se ne accerti, ma ripeto, non importa, questo è comunque uno schiaffo in faccia agli Italiani che non possono permettersi lo sci, a chi non arriva a fine mese!”

“E’ stata un’iniziativa volontaria di noi maestri di sci scrive Patrick, uno dei maestri coinvolti nell’iniziativa – Il materiale è stato noleggiato gratuitamente dal noleggio ski e la nostra scuola di sci ci ha dato lo spazio. Ogni anno diamo spazio ad iniziative di questo tipo a titolo gratuito. Sono molto felice di aver potuto dare un piccolo aiuto. Per me sciare è la cosa piú bella del mondo e sono sempre contento quando posso condividere questa cosa con qualcuno, ancora di più se questo qualcuno normalmente non ne ha la possibilità”.

 


PER SAPERNE DI PIU'