Blitz quotidiano
powered by aruba

Profugo animatore al centro estivo: bambino ritirato

MILANO – Una madre ha ritirato il proprio figlio dal centro estivo che frequentava quando ha saputo che agli animatori sarebbero stati affiancati uno o due profughi. Un’altra invece ha deciso di andare a riprendere il proprio nella metà giornata in cui l’immigrato è in servizio.

Succede, secondo quanto riporta il quotidiano Repubblica Milano, a Peschiera Borromeo, paese di circa 25.000 abitanti, alle porte di Milano. Sulla questione sarebbe già intervenuto il Comune precisando che tutto è in regola e che i ragazzi sono titolari di status di rifugiati.

La polemica è nata quando i genitori hanno saputo che la società onlus Il melograno, che gestisce sia il centro estivo per bambini che una casa di accoglienza per rifugiati (ma a Mediglia, comune vicino), avrebbe introdotto tra gli assistenti un paio di immigrati. In un centro estivo gli assistenti sono quelli che aiutano gli educatori e gli animatori nella sorveglianza dei bambini, soprattutto durante giochi e laboratori. Una madre ha postato sul suo profilo la sua perplessità annunciando il ritiro del figlio. Gli altri genitori si sono divisi tra chi vede in questa novità un accrescimento anche per i loro bambini. Al rifugiato ‘assistente’, un giovane arrivato dal Guinea, intanto è stato confermato il suo incarico.