Blitz quotidiano
powered by aruba

Punta da una vespa: muore in ospedale a 52 anni

ROMA – Morire nel 2016 per una banale puntura di vespa alla mano. E’ accaduto a Nocera Inferiore, in provincia di Salerno, dove una donna di 52 anni è deceduta all’ospedale Umberto I a seguito di complicazioni generate dalla puntura di insetto.

Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Mattino, la donna giunta martedì sera al Pronto Soccorso, lamentava uno strano gonfiore alla mano e al polso. Ai medici ha detto di essere stata punta da una vespa alcuni giorni prima ma il fastidio non accennava ad alleviarsi, anzi era peggiorato. I medici di reparto hanno visitato la paziente, effettuando tutti i controlli del caso con esami specifici, compresa una Tac. Non riscontrando anomalie l’hanno dimessa.

Una volta rientrata a casa, la donna avrebbe però avvertito un improvviso malore. Di qui la decisione di correre nuovamente al Pronto Soccorso. Ma per lei non c’è stato nulla da fare. Tempo poche ore ed è deceduta a causa di non meglio precisate complicanze. A uccidere la donna potrebbero essere state dunque le conseguenze di uno choc anafilattico dovuto al veleno inoculato dalla vespa al momento della puntura.

La famiglia, sconvolta, non ha presentato al momento alcuna denuncia. Mentre l’ospedale si è impegnato a far luce sulle cause del decesso. Il corpo è stato in seguito liberato per la celebrazione del rito funebre.