Blitz quotidiano
powered by aruba

Ragazzo down con biglietto sbagliato multato sul bus. Poi le scuse…

REGGIO EMILIA – Aveva pagato e obliterato il biglietto del bus, ma per un tragitto più breve di quello che stava percorrendo, probabilmente per una incomprensione col bigliettaio che gli aveva venduto il ticket: così un ragazzo con la sindrome di Down, che da qualche tempo utilizzava in autonomia il mezzo, è stato multato dal controllore.

Il fatto, ricostruito dal Resto del Carlino di Reggio Emilia, è accaduto martedì 4 ottobre su un autobus Seta ed è stato raccontato dalla madre, costernata, con un lungo post su Facebook. E oggi l’azienda ha contattato la famiglia per scusarsi.

La mamma nel suo sfogo sul social spiega che il ragazzo

“è rientrato a casa balbettando, faticando a spiegarmi l’accaduto perché agitato, e chiedendomi di non fargli più prendere il tram. Nonostante gli entusiasmi per le vittorie olimpiche, i grandi proclami le giornate mondiali e nazionali, le foto ed i video più o meno commoventi, è sempre molto avvilente constatare come la diversa abilità esca sconfitta dal confronto con la quotidianità”.

Alla fine la multa è stata annullata e alla famiglia del ragazzo sono arrivate le scuse del sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, e da quello di Albinea (il Comune in cui risiede il giovane), Nico Giberti. “Incontrerò il ragazzo multato nei prossimi giorni, ha detto il sindaco Vecchi, perché vorrei che ritrovasse presto la forza e la voglia di salire su quell’autobus. Perché quell’autobus è casa sua”.

 

 

 

 


PER SAPERNE DI PIU'