Blitz quotidiano
powered by aruba

Ramadan 2016, ecco le app per affrontare il digiuno

ROMA – Oggi, lunedì 6 giugno, comincia il Ramadan, il nono mese del calendario lunare islamico durante il quale si osserva il digiuno nelle ore diurne. Fino al 5 luglio i credenti di fede musulmana possono mangiare solo prima dell’alba o dopo il tramonto: sono circa 15 ore e mezza di digiuno. E nell’era dei social fioccano le app che guidano i musulmani attraverso il loro percorso di purificazione.

Mentre il sedicente Stato Islamico lancia appelli in rete per esortare i jihadisti a usare il mese sacro del digiuno per attaccare “in Europa e negli Stati Uniti”, in Italia i musulmani fanno prove di dialogo e pacifica convivenza. In particolare a Palermo, dove la Comunità Islamica ha invitato alla cena del Ramadan l’Arcivescovo di Palermo e tutte le Comunità Cristiane: Cattoliche, Evangeliche, Ortodosse, Anglicana, la Comunità Ebraica, le diverse Confessioni Religiose, il Sindaco di Palermo, i Consoli della Tunisia e del Marocco, il Presidente della Consulta delle Culture e le Autorità Civili e Militari.

L’appuntamento è per giovedì 23 giugno, presso la Moschea di piazza Gran cancelliere. Rigorosamente dopo il tramonto, alle 19.30.

Queste le app più gettonate per affrontare al meglio il Ramadan: 

Ramadan 2016 è un’applicazione calendario che oltre a tenere il conto delle ore di digiuno, consente di personalizzare le notifiche a seconda della posizione in cui ci si trova. Grazie alla geolocalizzazione è possibile scoprire in ogni momento la propria distanza dalla città santa e scoprire le indicazioni per raggiungere La Mecca. L’app mostra le cinque preghiere quotidiane che ogni credente deve recitare per rispettare i precetti islamici. Completa l’offerta una versione audio in lingua araba del libro sacro dei musulmani, disponibile anche in otto lingue diverse.

Muslim Pro è sicuramente la più scaricata: utilizzata da oltre 25 milioni di musulmani è tra le applicazioni più complete. Contiene la versione integrale del Corano in arabo, una traduzione in inglese e le registrazioni audio per ascoltare la giusta pronuncia delle parole.  Le notifiche aiutano gli utenti a rispettare gli orari del digiuno quotidiano e una mappa con tutti i ristoranti halal e le moschee presenti nelle grandi città. Con la Bussola, invece, ogni musulmano può scoprire la propria distanza dalla città Santa.

Ramadam Legacy è invece stata votata come una delle migliori app per il mese del digiuno. Oltre ad accompagnare i credenti per tutti e trenta i giorni di preghiera, propone contenuti nuovi per ogni giorno di Ramadan e consente di condividere sui social la propria esperienza di digiuno. Per resistere alle tentazioni, ci sono poi video e immagini che spiegano il vero significato del Ramadan attraverso i ricordi degli altri musulmani.

Al-Quran è invece utile per navigare attraverso i testi sacri: un’apposita funzione di ricerca consente di trovare le frasi più significative e personalizzare la propria lettura del Corano.

Instadeen è invece una sorta di Instagram islamico: consente di aggiungere versetti del corano alle foto scattate con smartphone e tablet. Le foto possono poi essere condivise attraverso i principali canali social con amici e parenti.

Orario delle preghiere. Si tratta di un’app pensata per tutti quei credenti in giro per lavoro che faticano a tenere il passo con l’ora esatta. E’ possibile geolocalizzarsi per posizionarsi in direzione della Mecca e impostare la sveglia per ricordarsi dell’ora della preghiera. Unico neo: l’applicazione è disponibile solo per Android.

Ramadan Duas è utile per chi vuole recitare preghiere particolari nel mese del digiuno. E’ possibile ascoltare i versi del Corano in arabo per scoprire la giusta pronuncia.

Islamitalia. Esiste infine un’app dedicata proprio ai musulmani italiani con consigli utili per affrontare il mese del digiuno. Sul sito sono riportate tutte le principali riccorrenze islamiche e un’apposita sezione dedicata alla spiritualità aiuta gli islamici a rispondere ai problemi di coscienza.