Cronaca Italia

Rc Auto, in arrivo obbligo della scatola nera su automobili

Rc Auto, in arrivo obbligo della scatola nera su automobili

Rc Auto, in arrivo obbligo della scatola nera su automobili

ROMA – È ancora solo una proposta ma sta già sollevando polemiche: una scatola nera obbligatoria su tutte le auto. La novità è stata inserita nel disegno di legge Concorrenza attualmente all’esame della commissione Industria del Senato. Il provvedimento sbarcherà in aula a partire dal 5 aprile.

Come ricorda Il Giornale, in queste ore governo e maggioranza stanno valutando la presentazione di un emendamento sull’obbligo della scatola nera, ad oggi facoltativo: chi accetta di montare sulla propria vettura il dispositivo, usufruisce di notevoli sconti sul premio perché grazie al dispositivo la compagnia può verificare l’effettiva dinamica di eventuali sinistri e quindi limitare le truffe, fenomeno ancora alto nel settore e che di fatto si traduce in aumenti generalizzati delle polizze.

San raffaele

Ma l’installazione della scatola nera sulla propria vettura non piace a tutti. In primis al Codacons, che ne ricorda le spese: “Rischia di tramutarsi in una colossale bufala per i cittadini, e di determinare costi a carico degli utenti ben più elevati degli sconti promessi. Se tutti gli italiani decidessero di dotarsi della scatola nera, la spesa per l’intero sistema sarebbe pari a 3,1 miliardi di euro, considerato che ogni singolo apparecchio ha un costo di gestione annuo di circa 75 euro”.

Risultato? “La spesa per l’installazione, la gestione e la manutenzione della scatola nera, se a carico degli automobilisti, non solo vanificherebbe lo sconto sulle tariffe rc auto promesso dal Governo, ma addirittura determinerebbe – denunciano dall’associazione –  rincari in quelle zone d’Italia dove le tariffe rc auto sono più basse. Se invece tali costi fossero a carico delle compagnie di assicurazioni, inevitabilmente verrebbero traslati sugli assicurati attraverso i prezzi delle polizze”. Insomma, si rischierebbe l’ennesimo salasso per i cittadini.

To Top