Blitz quotidiano
powered by aruba

Ricongiungimento negato a coppia gay: Strasburgo condanna Italia

STRASBURGO – La Corte europea dei diritti umani ha condannato l’Italia a risarcire i “danni morali” provocati per aver rifiutato di rilasciare il permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare ad un cittadino neozelandese che voleva vivere nel nostro paese col suo compagno italiano. In questo modo, per i giudici di Strasburgo, l’Italia ha violato il diritto della coppia a non essere discriminata. La sentenza prevede un risarcimento di 20.000 euro. Diventerà definitiva tra 3 mesi se le parti non ricorreranno in appello.

A ricorrere a Strasburgo nel 2009 sono stati Roberto Taddeucci e il suo compagno neozelandese Douglas McCall. I due uomini sono una coppia omo sin dal 1999. Risiedevano in Nuova Zelanda, con lo statuto di coppia non sposata fino al dicembre 2003 quando decisero di trasferirsi in Italia a causa dello stato di salute di Taddeucci. McCall richiese un permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare, che gli venne rifiutato.

Nel ricorso la coppia ha sostenuto di essere stata vittima di una discriminazione basata sull’orientamento . E oggi i giudici di Strasburgo, per sei voti contro uno, hanno stabilito che sono stati, in effetti, vittime di una “discriminazione ingiustificata”.

Nella sentenza la Corte di Strasburgo scrive che “la situazione di Taddeucci e McCall, una coppia omo, non poteva essere equiparata a quella di una coppia non sposata etero”. I giudici osservano che “non potendosi sposare e nell’impossibilità di ottenere in quegli anni in Italia qualsiasi altro riconoscimento formale della loro unione, i due uomini non potevano essere classificati come sposi, e che l’interpretazione restrittiva della nozione di membro di famiglia era per le coppie omosessuali un ostacolo insormontabile nell’ottenere un permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare”.

Il ragionamento della Corte è stato quello di individuare una discriminazione dell’Italia nei confronti delle coppie gay per il fatto stesso di metterle sullo stesso piano di quelle eterosessuali, negando però tanto il diritto al matrimonio quanto quello del riconoscimento dello stato di convivenza. Così facendo lo Stato “ha violato il diritto di Taddeucci e McCall a non essere discriminati sulla base dell’orientamento nel godimento del loro diritto al rispetto della vita familiare”.


TAG: