Cronaca Italia

Rigopiano, telefonata di Parete 118: “Hotel non c’è più” AUDIO

quarto-grado-hotel-rigopiano

Hotel Rigopiano, la telefonata del cuoco al 118: “C’è stata una valanga, l’hotel non c’è più”

PESCARA – E’ stato diffuso l’audio della prima telefonata di aiuto, quella dello chef Giampiero Parete,  partita dall’Hotel Rigopiano. Lo chef  si trovava fuori dall’albergo quando la slavina ha travolto l’albergo. A distanza di più di una settimana dal dramma, è stata la trasmissione Quarto Grado a mandare in onda l’audio terrificante della telefonata. Questo il link per ascoltare la telefonata.

Per chiudere finalmente la macabra conta delle vittime non manca molto, a questo punto: in 48 ore i vigili del fuoco hanno tirato fuori da quel che resta dell’hotel 16 vittime; 9 le hanno estratte martedì e 9 mercoledì. Queste ultime sono sei donne e tre uomini: i loro corpi, come la maggior parte di quelli usciti da quell’inferno poche ore prima, erano incastrati tra tronchi d’albero, neve e macerie dell’hotel. Ed erano tutti in un unico ambiente: quello dove, prima che sul Rigopiano si abbattessero centinaia di tonnellate di neve, era il bar. I vigili del fuoco, in quella zona, c’erano arrivati già due giorni fa. Erano entrati passando dalle cucine e lì avevano avuto già un brutto presentimento: alcuni di quegli ambienti erano rimasti miracolosamente intatti, ma non c’era nessuno. “Speravamo di trovare qualcuno – ripetono ancora – anche se sapevamo bene che stavano per lasciare l’albergo e dunque erano tutti radunati da un’altra parte. Però magari qualcuno era tornato indietro, o si era attardato per qualche motivo in cucina. E se fosse stato così si sarebbe forse salvato”.

To Top