Blitz quotidiano
powered by aruba

Roberta Ragusa, rito abbreviato per Logli: sconto di pena se condannato

PISA – Roberta Ragusa: il marito Antonio Logli sarà giudicato con rito abbreviato. E’ stata infatti ammessa la richiesta dei suoi legali, Roberto Cavani e Saverio Sergimpietri. Il Gup di Pisa, nel corso dell’udienza preliminare, ha già fissato le date delle prossime udienze che si svolgeranno il 2 dicembre per la discussione ed il 21 per le repliche e la sentenza. Entro il 2016, quindi, il tribunale, con giuria popolare, deciderà se condannare o meno Logli, già prosciolto dall’accusa di omicidio in una precedente sentenza poi stralciata dalla Cassazione.

Ma che significato ha il rito abbreviato? In caso di condanna comporta uno sconto di pena di un terzo. Se Logli venisse condannato per omicidio la pena non sarà quindi l’ergastolo ma al massimo 30 anni. Non solo: il rito abbreviato viene celebrato davanti al giudice dell’udienza preliminare ed è ovviamente molto più rapido rispetto al processo ordinario. Significa che Logli verrà giudicato in base alle prove raccolte finora dall’accusa: non saranno quindi ascoltati nuovi testimoni.

Roberta Ragusa è scomparsa dalla sua abitazione di Gello di San Giuliano Terme (Pisa) la notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012 e non è mai più stata ritrovata.

L’avvocato Nicodemo Gentile, legale di parte civile per l’associazione Penelope, che tutela i familiari delle persone scomparse in tutta Italia, ha detto che “oggi deve essere il giorno di Roberta, in cui le verrà finalmente data giustizia”.