Cronaca Italia

Roberto Brotto caduto in una scarpata in Val Ceccona: falciato da auto pirata

Roberto Brotto caduto in una scarpata in Val Ceccona: falciato da auto pirata

Roberto Brotto caduto in una scarpata in Val Ceccona: falciato da auto pirata

CONCO (VICENZA) – Roberto Brotto, il dirigente amministrativo dell’Ulss di Cittadella (Padova) di cui non si avevano tracce da lunedì sera, non è caduto da solo nella scarpata in Val Ceccona in cui è stato ritrovato, ma è stato falciato da un’auto pirata che si è poi data alla fuga.

A far propendere per questa ipotesi sono i segni ritrovati sul corpo di Brotto e sulla sua bicicletta: segni evidenti di impatto, scrive il Gazzettino.

Dopo l’impatto l’auto pirata sarebbe fuggita senza prestare soccorso né dare l’allarme. Brotto è stato trovato riverso a terra, mentre la bici era molto danneggiata.

Il corpo dell’uomo è stato trovato da alcuni ciclisti in una scarpata in Val Ceccona. Subito sono stati allertati i soccorsi: i vigili del fuoco e i volontari del soccorso alpino hanno recuperato la salma.

L’allarme, ricorda il quotidiano veneto,

era scattato ieri sera tardi. I volontari del soccorso alpino di Asiago erano alla ricerca del 54enne di Cittadella (Pd), scomparso dopo essere uscito in mattinata, da solo, per un giro tra Conco e Lusiana con la bicicletta da corsa. Atteso per l’ora di pranzo l’uomo non era rientrato al luogo di partenza. L’ultimo messaggio certo risale alle 10.40 di ieri sera, successivamente il suo telefonino è stato agganciato dalla cella telefonica di Lebele a Conco ed è lì che ieri sera le squadre di soccorso hanno effettuato le prime ricognizioni percorrendo le strade della zona, per proseguire in forze questa mattina.

Fino al ritrovamento.

To Top