Blitz quotidiano
powered by aruba

Rom ruba moto: arrestato. Padre fu ucciso da Stacchio

JESOLO – Un ragazzo rom ha rubato una moto nel pomeriggio del 20 maggio a Jesolo e poi è fuggito, cercando di seminare la polizia. Il ragazzo però è stato arrestato dopo un inseguimento, condotto anche con l’elicottero della polizia, e la sua identità svelata. Si tratta di Alan Cassol, figlio del rapinatore di etnia rom ucciso dal benzinaio Graziano Stacchio a Nanto durante l’assalto ad una gioielleria.

Il Gazzettino scrive che Cassol ha cercato di impossessarsi di una moto di grossa cilindrata per poi darsi alla fuga, ma il colpo è finito con il suo arresto:

“È finito male il “colpo” tentato oggi pomeriggio dal nomade trevigiano Alan Cassol – peraltro figlio del rapinatore ucciso a Nanto dal benzinaio Graziano Stacchio durante l’assalto a una gioielleria – che ha cercato di impossessarsi di una moto di grossa cilindrata.

L’aveva adocchiata davanti al negozio Cancelli a Jesolo paese, ma quando si stava allontanando è stato visto da un commesso che ha lanciato l’allarme. E’ scattato così un inseguimento per le vie del centro, con la polizia alle calcagna del giovane. Inutile il suo tentativo di far perdere le sue tracce abbandonando la moto ai bordi di un campo e di sdraiarsi in mezzo alle coltivazioni per non essere visto: è stato individuato grazie all’elicottero della polizia e tratto in arresto”.


PER SAPERNE DI PIU'