Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, auto corpo diplomatico su posto disabili. La reazione

ROMA – Una delle inciviltà più vergognose è quella di posteggiare l’auto nel parcheggio riservato alle persone disabili. Se poi, come in questo caso, l’auto è targata corpo diplomatico, ancora peggio. Succede a Roma, quartiere Prati, e la notizia è il messaggio che un passante ignoto o forse il disabile assegnatario del posto ha lasciato al conducente irrispettoso.

Come racconta Alessandro Tittozzi sul Messaggero di Roma,

prima gli ha alzato i tergicristalli di questa Opel con targa Cd (corpo diplomatico, appunto) in segno di sprezzo, poi ha lasciato un bel biglietto sul parabrezza con tanto di insulto al conducente: ”Il corpo sarà anche diplomatico, ma la testa è di c….”, ha scritto.

A far (giustamente) infuriare il passante deve essere anche stato il fatto che gli autisti di questo genere di auto spesso hanno il posto auto a loro riservato. Può accadere, tuttavia, che quando non riescono a trovarlo, magari perché usurpato da qualcun altro senza diritto, molti di loro lascino la macchina in qualsiasi angolo della strada. E, come dimostra questa storia, anche sul posto per i disabili.