Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, avvistati in autostrada i tre albanesi evasi da Rebibbia. Sono molto pericolosi

ROMA – Sono stati avvisatati nella zona a Nord di Roma i tre detenuti albanesi evasi dal carcere di Rebibbia il 27 ottobre. Qualcuno, scrivono Luca Lippera e Paola Vuolo sul Messaggero, dice di averli visti in autostrada.

Intanto la Procura di Roma ha avviato una indagine in relazione alla evasione. Il pm Nadia Plastina, titolare del fascicolo, sta coordinando le indagini mentre le forze dell’ordine sono impegnate in una vasta caccia all’uomo. In questa fase il lavoro degli inquirenti punta ad individuare i tre fuggiaschi considerati molto pericolosi. Si tratta di soggetti accusati, a seconda delle posizioni, di omicidio, traffico di droga e sfruttamento della prostituzione.

“Non hanno nulla da perdere e forse possono contare su appoggi esterni sia logistici che economici”, spiega chi indaga. Una ricerca che si presenta complessa anche per il fatto che i tre (Basho Tesi, 35 anni, Mikel Hasanbelli, 38 anni e Ilir Pere, 40 anni) hanno avuto un vantaggio di almeno tre ore per far perdere le proprie tracce a causa di un ritardo nell’allarme sulla fuga. Non è escluso che già nei prossimi giorni possa arrivare negli uffici di piazzale Clodio una prima relazione su quanto accaduto da parte del Dap, dipartimento amministrazione penitenziaria.