Blitz quotidiano
powered by aruba

Roma, bimbo 11 anni si arrampica sul palazzo per rubare: “Facevo parkour”

ROMA – “Facevo parkour“. Un bimbo di appena 11 anni e di origine rom ha risposto così agli agenti di polizia che lo hanno arrestato mentre si arrampicava su un palazzo in via Nomentana per rubare in un appartamento mentre la padrona di casa era a fare la spesa. Il bambino era già arrivato sul balcone del secondo piano del palazzo, quando si è trovato davanti la polizia e non ci ha pensato due volte a dire che si trattava di un allenamento per il parkour.

Il Messaggero scrive che il piccolo ha tirato fuori la scusa che rimane decisamente originale, e anche ben pensata, dato che il parkour è la disciplina sportiva metropolitana che consiste in arrampicarsi e saltare dai tetti e dai cornicioni che ci si ritrova davanti nella giungla urbana:

“Il ladro, un bambino rom di 11 anni, è stato colto sul fatto questa mattina, intorno alle 11: un poliziotto fuori servizio l’aveva notato mentre tentava di scalare il palazzo e ha avvertito subito la sala centrale della polizia.

L’ignara padrona di casa era uscita per andare a fare la spesa, quando si è accorta di essersi dimenticata qualcosa a casa, è rientrata nel suo appartamento non sapendo che fuori dal balcone c’era il giovanissimo ladro acrobata. La donna aveva dimenticato le chiavi della grata attaccate e il baby criminale le aveva già lanciate in strada per qualche complice che sarebbe tornato poi nella notte. Il bambino è stato affidato a una comunità di minori”.


TAG: , ,

PER SAPERNE DI PIU'